La ‘leadership gentile’: un nuovo modo di lavorare che punti sulla qualità

Sempre più news provenienti dal mondo del lavoro, confermano che da qualche anno a questa parte, qualcosa sta cambiando: sono richieste competenze nuove, trasversali e più vicine a doti relazionali, come ad esempio l’empatia, la capacità di creare un buon team di lavoro, il problem solving; e le dinamiche che regolano i rapporti al’interno di un ufficio si sono trasformate rispetto al passato.

I capi ‘cattivi’, che instaurano un clima di terrore e impongono regole ferree in nome della produttività, sembrano ormai figure che esistono solo nelle fiction cinematografiche.

Niente più uffici in stile ‘il Diavolo veste Prada’, ma al loro posto ambienti di lavoro dove la parola d’ordine è ‘gentilezza’.

Ti sembrano affermazioni bizzarre che possono essere applicate solo a grandi gruppi multinazionali, famosi per innovare da sempre le modalità di lavoro?

In realtà la gentilezza si sta diffondendo rapidamente in moltissimi luoghi di lavoro, a prescindere dalla loro grandezza e dalla loro strutturazione.

Un’indagine condotta da InfoJobs (https://lavoroedintorni.infojobs.it/2020/11/13/un-leader-forte-e-un-leader-gentile/) ha rilevato che il 65% degli intervistati ritiene la gentilezza un punto di forza, il 20%, addirittura, un elemento imprescindibile. E il 41% ha dichiarato di avere davvero un“leader gentile”.

Ma cosa si intende con “leader gentile”?

Quando parliamo di ‘leader gentile’ ci troviamo di fronte a un responsabile che sceglie di attuare il proprio potere, non attraverso il controllo e l’imposizione di rigidi schemi, ma stimolando il proprio gruppo di lavoro a raggiungere obiettivi possibili.

Si è compreso, quanto, nel mondo del lavoro, che oggi è fluido, trasversale e multidisciplinare, siano rilevanti le soft skills del dipendenti.

E per far sì che queste si manifestino in modo utile a tutta l’azienda, il dipendente deve sentirsi parte di un gruppo di lavoro con il quale condivide i valori e dal quale si sente motivato.

Un lavoratore che può proporre le proprie idee in modo sicuro, apprezzato e con un certo grado di indipendenza, sarà sicuramente stimolato a investire più energie e di maggiore qualità nelle proprie mansioni.

Come si manifesta in pratica la leadership gentile?

  • Fiducia verso i dipendenti, che dona loro responsabilità e autostima;
  • Nessuna rivalità: emerge il lavoro del team, a discapito dell’ambizione del singolo;
  • Rispetto e gentilezza, per creare un clima di lavoro disteso e rapporti di reciproca empatia;
  • Lavoro di squadra: non esiste più una gerarchia di compiti e di potere, ma si lavora insieme con un obiettivo comune, in base alle proprie skills.

Naturalmente la figura del capo non viene cancellata, o deresponsabilizzata, cambiano solo le mansioni che gli sono richieste e differentiattitudini: la sua figura diventa più vicina a quella di un coordinatore e di un motivatore, in grado di organizzare il lavoro, assegnare gli obiettivi, spronare e alimentare il team a raggiungerli.

Ma la leadership gentile è ‘a senso unico’? È un sistema che porta beneficio unicamente all’azienda?

Cinicamente possiamo pensare che tutta questa attenzione alla gentilezza serva unicamente alle società allo scopo di lavorare di più e meglio.

Ebbene sì, un dipendente felice è sicuramente più produttivo, ma è innanzitutto… felice!

Non si può negare che con la leadership gentile ne escano vincitori sia l’azienda che il dipendente.

Ricordiamo che noi passiamo la maggior parte della nostra giornata sul luogo di lavoro, ed è fondamentale, per il nostro benessere, vivere un ambiente sereno, piacevole e addirittura stimolante.

La nostra salute beneficia del fatto di non accumulare stress e frustrazioni, e migliora, in generale, la qualità tutta della nostra vita.

Inoltre in un ambiente di lavoro sano, è possibile stringere dei veri rapporti di amicizia tra colleghi, preziosi per ognuno di noi.

Naturalmente noi dobbiamo cercare la qualità non solo sul luogo di lavoro, ma anche in tutti gli altri aspetti della nostra esistenza!

Anche e soprattutto nel nostro benessere fisico, e nella nutrizione.

In questo ambito arriva in nostro sostegno Juice Plus+, che grazie all’integrazione con le capsule Juice Plus+ Premium, ci garantisce i nutrienti di cui abbiamo bisogno: sono infatti ricche delle vitamine e deiminerali fondamentali per il benessere del nostro organismo.

E tu che tipo di capo sei o che tipo di capo hai?

Condividi i valori della leadership gentile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *